Anna Magnani e il brutto carattere
ANNA MAGNANI E IL SUO BRUTTO CARATTERE ultima modifica: 2017-09-07T11:42:08+00:00 da Laura Finocchiaro

Dicono tutti che io ho un brutto carattere. Be’, sarà anche vero, però io, dopo essermi sfogata, riesco a dimenticarmi di ogni cosa.

Le persone che hanno frequenti scatti d’ira sono anche quelle che serbano meno i rancori.
Se c’è qualcosa che vi rode dentro, è sempre meglio cercare di liberarsene; se invece si continua a rimuginarci sopra, non si riuscirà mai a dimenticare.

Io, per esempio, un minuto dopo che mi sono sfogata non ci penso neppure più. Sono dotata di grande pazienza, ma se va tutto storto, allora è la volta che esplodo.

So aspettare però, ed aspetto per dare ad ogni cosa la possibilità di risolversi per il meglio.

Sarei davvero stupida a non rendermi conto di quello che faccio e a non agire di conseguenza.

Fa male alla salute stare a covare i dispiaceri dentro di sé e a non aprirsi ogni tanto per lasciarli uscire. Sono una emotiva, sotto tutti i punti di vista.

Tutto quello che faccio mi è dettato dal cuore, e dal momento che i sentimenti regolano ogni mia azione, riesco ad essere sempre sincera, qualsiasi cosa io faccia o dica, e sono convinta che ciò giovi non poco alla mia recitazione.

Ed è per questo che quando soffro, soffro veramente, finché non mi si spezza il cuore.

Anna Magnani
(“Epoca”, giugno 1961)

ANNA MAGNANI E IL SUO BRUTTO CARATTERE ultima modifica: 2017-09-07T11:42:08+00:00 da Laura Finocchiaro

0 229