LA BIOGRAFIA

Anna Magnani Biografia[…] Battezzata con i nomi Anna Maria, nasce nella Roma degli inizi del XX secolo (7 marzo del 1908).

Vive un’infanzia privata dei genitori, ma non d’affetto. La nonna materna adorata, Giovanna, la ricopre d’attenzioni (nei limiti del possibile) e, di fatto, si occupa della sua crescita e della sua istruzione, interrotta per intraprendere una carriera artistica, vista dalla giovane Anna come meta di soddisfazioni umane e professionali.

L’amore per la musica, che da sempre l’accompagna, induce la giovane Anna ad iscriversi al Conservatorio per studiare pianoforte.

Ma scoprirà presto che la vita fatta di note, scale, pause non l’appaga completamente.

Anna vuole qualcosa di più. Quel qualcosa di più è l’Accademia d’Arte Drammatica “Eleonora Duse (oggi “Silvio D’Amico“, suo maestro e sostenitore), dove trova calore, condivisione, entusiasmo e spirito creativo.

Sui palcoscenici d’Italia, Anna entra in contatto con un mondo affascinante, dove niente è scontato e dove il talento solo a volte non basta.

Affronta il pubblico, si mette in gioco, “ruba” consigli, riceve lusinghe, ma le parti che le assegnano sono sostanzialmente limitate ad una comparsa o poco più.

CONTINUA A LEGGERE...

IL TEATRO

Anna Magnani Totò Rivista TeatroL’arte di Anna Magnani si sviluppa e si perfeziona principalmente in teatro. Molti gli spettacoli ai quali partecipa, soprattutto durante i primi anni di attività, ma anche in seguito.

Le tavole del palcoscenico sono una scuola di formazione, un banco di prova. L’impatto con il pubblico forma umanamente e artisticamente la giovane Magnani, creando legami con i suoi compagni tra i quali un giovane Paolo Stoppa (fu proprio lui, infatti a consigliarle di iscriversi all’Accademia d’Arte Drammatica).

Ottiene i primi riscontri del suo lavoro, sotto la guida di Silvio D’Amico e Ida Carloni Talli, tanto da essere notata (durante lo spettacolo “La caccia al lupo” di Verga) da uno spettatore illustre: Ettore Petrolini.

Tra il 1929 e il 1932 gira i teatri con la compagnia Vergani-Cimara, diretta da Dario Niccodemi. I ruoli che le attribuiscono sono ancora minori, ma la Magnani ha la possibilità di studiare, di rubare con gli occhi l’arte dei suoi maestri, in particolare per Vera Vergani:

“Devo molto a Vera Vergani, la più bella signora del mondo, un esempio di disciplina e correttezza. Mi guidò nei primi passi sul palcoscenico, mi faceva coraggio con una profezia che doveva  mutarsi in una splendente realtà. «Tu diventerai una grande attrice» mi diceva.” (Fonte “Epoca”, 1963)

CONTINUA A LEGGERE...

IL CINEMA

Roma Città ApertaIl primo ruolo lo ottiene ne La cieca di Sorrento  di Nunzio Malasomma (1934). Seguiranno piccole parti, ruoli minori e poco incisivi. Vittorio De Sica, però, saprà valorizzarla, affidandole il ruolo di una canzonettista nel suo film, Teresa Venerdì.

Siamo nel 1941 e gli italiani, pur formalmente in guerra da un anno, continuano a vivere in un clima rilassato e tranquillo. Un clima che però, purtroppo, non sarà destinato a durare.

Nel 1944, la Magnani interpreta il ruolo della vita, la sora Pina di Roma città aperta, con la regia attenta e coraggiosa di Roberto Rossellini. E’ Storia.

Il film la consacra attrice dell’anno, il cinema la nota e la acclama. Il capolavoro di Rossellini diviene manifesto di un’epoca, racchiudendo in sé (oltre alle innovazioni tecniche) un indiscusso e pregnante valore simbolico.

La sora Pina che muore sotto il fuoco tedesco è il volto dell’Italia, con le sue sofferenze e le gelide speranze di rinascita a nuova libertà.

Ora i registi cercano Nannarella, che in un anno interpreterà cinque film da protagonista, in ruoli da popolana dall’animo forte, buono e sincero, come l’indimenticabile personaggio dell’Onorevole Angelina, facendo innamorare di sé il popolo più genuino di Roma e dell’Italia intera.

CONTINUA A LEGGERE...

PROSSIMI APPUNTAMENTI

28 Nov 2017 Proiezione, ABBASSO LA MISERIA! ► ore 21:00 — PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI - ROMA
30 Nov 2017 Proiezione, L'ONOREVOLE ANGELINA ► ore 20:00 — CINÉMA JULIET BERTO - GRENOBLE (FRANCIA)
01 Dec 2017 Proiezione, ROMA CITTÀ APERTA ► ore 21:00 — PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI - ROMA
03 Dec 2017 Proiezione, IL BANDITO ► ore 21:00 — PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI - ROMA
10 Dec 2017 Proiezione, L'ONOREVOLE ANGELINA ► ore 21:00 — PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI - ROMA
Per segnalare un evento
info@ricordandoannamagnani.it
INTERVISTA A LUCA MAGNANI
Perché Anna Magnani è stata l’attrice più amata dal pubblico non solo romano? Quale è stato il segreto del suo successo?

Rappresentava i problemi, le persone, i modi di pensare dell’epoca. La gente si identificava, si era appena usciti da una guerra, c’era un’Italia disastrata, il pubblico aveva altre esigenze.
Oggi con la globalizzazione un fenomeno che accade in America è come se avvenisse al piano di sotto, c’è una grande elasticità di comunicazione e di partecipazione. Quella era un’epoca irripetibile come del resto lo è questa. Il successo oggi è molto rapido, uno si brucia molto; all’epoca il successo era molto lento, ma poi rimaneva nel tempo.

Dai suoi ricordi, quali erano le differenze tra l’Anna Magnani pubblica e quella privata, tra la diva e la madre?

Mia madre non poteva permettersi di fare la mamma a tempo pieno, era l’unica persona che lavorava in casa non è che avesse un marito o un compagno a mantenerla, era lei l’uomo di casa e alla fine del mese doveva far quadrare i conti. Io e mia madre comunque facevamo due vite molto diverse. Oggi le attrici famose si portano dietro sul set tutta la famiglia, all’epoca non era così perché economicamente non era possibile e così pure culturalmente. I bambini mangiavano alle sette di sera, i grandi alle nove, c’era tutta un’altra impostazione.

Leggi l'intero articolo

 Questa donna, arrivata tardi alla maturità artistica e al successo, questa donna disadattata, affettuosa, incolta e nevrotica, seppe fare qualche cosa che accade molto di rado nel mondo casuale e improvvisato del nostro cinema: intersecare la propria meteorica traiettoria con l’orbita misteriosa e controversa chiamata storia.  

Alberto Moravia

...AND THE WINNER IS...
1Oscar
1Golden Globe
1Festival di Berlino
2David di Donatello
2National Board of Review Awards
1Premio BAFTA
5Nastri d'Argento
1Mostra del Cinema di Venezia
1Premio Sant Jordi

Ricordando Anna Magnani. Biografia, film, articoli d’epoca ultima modifica: 2017-02-11T21:03:31+00:00 da Ricordando Anna Magnani